Blog: http://cambioblog.ilcannocchiale.it

Ancora 'pillole' di storia: Italiani = buoni; Borboni = cattivi?

Per noi siciliani Garibaldi non fu un 'eroe', come i piemontesi non ci hanno tirato fuori dai guai. I moti del 1848 (è documentato ampiamente anche al Museo di Storia Patria di Palermo, come ho accennato nel mio precedente articolo) furono per l'indipendenza siciliana, e non per l'annessione all'allora Regno di Sardegna al fine di iniziare un'unità politica della Penisola italiana. Inoltre, i piemontesi hanno peggiorato la situazione rispetto ai Borboni, dato che solo 6 anni dopo l'unità d'Italia vi furono già sommosse in Sicilia sedate da bombardamenti piemontesi alla città di Palermo. Vi mostro, inoltre, anche degli schemi tratti da un libro che sto studiando proprio in questo periodo ("La città incompleta", G. de Spuches, V. Guarrasi, M. Picone, Ed. Palumbo, Palermo, 2002):





La didascalia dice "Popolazione residente nelle prime 100 città italiane ai censimenti del 1871, 1921 e 1971 (fonte: Dematteis, Guarrasi, 1995, 176)".

Come vedete dai grafici, Napoli e Palermo erano tra le città più grandi e popolose (proprio perché tra le più industrializzate); guardate, invece, la successione degli avvenimenti nel tempo a cosa ha portato: a rimpinguimenti del Nord a spese del Sud, impoverendolo sempre più e trasferendo le attività economiche dalle grandi città del Sud al Nord (come dice anche Forgacs "Nel caso del dualismo Nord-Sud, le strategie economiche e politiche includevano, negli anni post-unitari, una pesante tassazione ed un sistema selettivo di credito e spesa pubblica che servirono solo a trasferire le risorse da Sud a Nord, e inoltre una politica economica liberista che fece in modo che le nascenti industrie meridionali venissero esposte alla concorrenza di quelle settentrionali").

Insomma, se con i Borbone eravamo nella cacca fino al collo, gli italiani, in seguito, non ce ne hanno certo tirato fuori, ma hanno anche fatto l'onda...

Quindi, che non si parli più di "Italiani = buoni; Borboni = cattivi", perché ho serie difficoltà a capire quali siano i buoni e quali i cattivi, a questo punto...

Pubblicato il 10/11/2006 alle 15.36 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web